29 febbraio 2012

U17 ELITE: PERSO UN DERBY INTENSO E COMBATTUTO

LINDT CAMPUS VARESE – BPM PALL. VARESE 63-77 (9-25; 25-38; 51-57)

LINDT: Spertini 4 (0/3, 1/2, 1/2 tl, in 17’), Pavan 11 (4/8, 1/7, in 29')(FOTO), Vai 13 (6/12, 0/3, 1/5 tl, in 20'), Ceresa (FOTO) 8 (3/3, 2/3 tl, in 16'), Macchi 5 (1/3, 1/1, in 27’), Bianchi 4 (2/3, in 4'), Rizzello 3 (1/6, 0/1, 1/1 tl, in 14'), Ermolli 4 (2/4, 0/1, 0/1 tl, in 28’), Gualco 6 (3/10, 0/1, 0/1 tl, in 15’), Pagny (in 6’), Cassinelli 5 (2/7, 0/1, 1/1, in 24'). All. Pagani.

BPM: Sutto 2, Lepri 18, Bellotto, Vescovi 21, Ambrosini 6, Battistini 5, Crespi, Longo, Montin 1, Lanzani 16, Rotta 8, Bellora. All. Montagnoli (Bianchi).

Note - Parziali dei quarti: 9-25, 16-13, 26-19, 12-20; usciti per 5 falli: nessuno; fallo tecnico: Vai (Lindt); falli commessi: Lindt 19, BPM 17; tiri liberi: Lindt 6/14 (43%), BPM 8/22; tiri da tre: Lindt 3 (Spertini, Pavan, Macchi), BPM 7 (Lepri 2, Vescovi 2, Rotta 2, Battistini); arbitri: Trematerra di Varese e Vita di Olgiate Olona (Va).

Bel derby in via Marzorati. Approccio migliore della BPM (2-12) che con la sua fisicità forza errori, trova canestri facili e triple in scioltezza; alla fine del primo quarto sembra la fotocopia della disfatta dell'andata. Ma questa volta i ragazzi di coach Pagani reagiscono, trovando il modo di contrastare gli avversari e tenerli non troppo distanti alla pausa. Dopo aver toccato il -19, con orgoglio e cuore il Campus compie il massimo sforzo nel terzo quarto: prima con un 10-2 e poi con un 14-5 arriva fino al 51-56, spremendo nel momento del bisogno minuti-qualità anche da Bianchi e Pagny. La BPM si aggrappa ai suoi talenti per non farsi raggiungere ed allungare definitivamente, la Lindt soccombe ma questa volta a testa alta.

Per Lindt: da 2Pt 24/59 (41%); da 3Pt 3/17 (18%); rimbalzi 44 di cui 12 in attacco (11 Ermolli, 6 Pavan, 5 Macchi e Rizzello); perse 23 (4 Spertini e Vai); ricuperate 17 (4 Ermolli, 3 Pavan); assist 9 (3 Cassinelli); stoppate 4 (2 Ermolli); falli subiti 17 (4 Vai, 3 Cassinelli).
Prossimo turno: mercoledì 7.3.2012, ore 21.00, al Centro Robur contro Scuola Basket Treviglio.

U13 PROV: SCONFITTA MA QUALIFICAZIONE OTTENUTA

CAVARIA - ROBUR ET FIDES 35 - 70

Si chiude con una netta e prevedibile sconfitta la prima fase della robur under 13 provinciale che raggiunge comunque i play-off nella seconda fase classificandosi terza nel girone.Obiettivo a inizio anno difficile per una squadra poco abituata alle partite e tutta nuova, è stato raggiunto grazie alla crescita esponeziale di alcuni elementi e alla dedizione in allenamento di tutto il gruppo. Soddisfatto coach Cattalani anche di questa ultima partita contro una squadra tra le favorite con Sesto per la vittoria finale, e soprattutto per la qualificazione alla fase play-off, non tanto per ambizioni di vittoria,quanto per la possibilità di confrontarsi con le squadre migliori della provincia per crescere ulteriormente in vista della prossima stagione.Poco da dire sulla partita di Cavaria,dove l'enorme fisicità degli avversari ha messo da subito in difficoltà i roburini,che comunque hanno lottato su ogni pallone e trovato anche dei canestri di ottima fattura. Mercoledì sera la riunione calendario per la seconda fase che inizierà domenica 11 marzo e vedrà la robur in girone con Sesto, Ardor Busto e Cardano al campo.

28 febbraio 2012

U14 PROV: KO A FAGNANO PUR GIOCANDO UN’OTTIMA PARTITA

GORLAZY - COELSANUS CAMPUS VARESE 82 -57 ( 21-8;43-27;54-42;82-57)

CAMPUS VARESE: Pozzi 20, Fanchini, Crespi 4, Susana 2, Piotto 12, Conti 5, Palomba 4, Zavattoni, Cavallini 5, Pedrocchi, Micalizzi 4, Bonnel 1.




Non c’è risultato più bugiardo di quello visto ieri sera nel campo di via De Amicis a Fagnano Olona, gli atleti della Coelsanus pagano un inizio timoroso contro l’enorme fisicità dei padroni di casa e i 40 minuti di zona 1-3-1 ( fatta proprio bene), ma non demeritano sicuramente. Come già detto il primo quarto vede il gruppo capitanato da Pozzi intimorirsi per l’enorme fisicità avversaria e concede facili contropiedi  causati dai troppi errori al tiro e la difficoltà nell’attaccare una zona, che fatta a 13 anni paga in termini di vittorie, ma non in crescita individuale.Coach Tavian è costretto a chiamare un time-out per vedere se i suoi 12 hanno un po’ di spirito di orgoglio e all’uscita di esso si inizia a vedere uno spiraglio di gioco di squadra anche se il punteggio della prima frazione recita un perentorio 21 a 8.
Nel secondo quarto lo spirito è diverso e Conti suona la carica con 6 palle recuperate che fanno caricare tutti i compagni  innescando facili conclusioni di un chirurgico e finalmente “leone” Piotto e i contropiedi di un ottimo Susana.
All’intervallo il punteggio recita 43 a 27 pro Gorlazy ( parziale del secondo quarto 22-19). L’uscita dagli spogliatoi vede i ragazzi di Tavian concentrati e determinati, forse consapevoli che le cose dette tra le 4 mure nel break sono tutte veritiere, infatti lo spirito non è quello di un team arrendevole che molla. Palloni recuperati, grinta in attacco, ottima difesa sui loro continui giochi alto basso fanno la differenza mettendo in difficoltà una squadra pretendente al titolo come Gorlazy, che non ci capisce più niente e chiude il quarto sempre in vantaggio, ma con gli ospiti arrivati anche a meno 5.
L’ultimo quarto conferma le buone idee del terzo, ma è l’aspetto fisico e la freschezza a premiare i padroni di  casa che ritornano a condurre con 25 punti di divario chiudendo il match sul 82 a 57. Risultato al quanto bugiardo per lo spirito e la voglia che ci hanno messo gli gnomi in maglia bianca Coelsanus.
Le parole di coach Tavian sono colme di gioia per la prestazione effettuata e che alla fine conta si vincere o perdere, ma l’importante e che si faccia tesoro degli errori e che si cerchi sempre di migliorare e dare il massimo in ogni situazione e difficoltà, lasciando la visione del punteggio come ultimo obbiettivo.

27 febbraio 2012

DNB: ABC COELSANUS, SCHIACCIANTE VITTORIA IN TOSCANA




DON BOSCO LIVORNO - ABC COELSANUS R.F. VARESE 62-79

LIVORNO: Modica 16, Bernardi 10, Mariani 5, Niccolai 8, Saponi 17, Piccini 2, Martini, Bianchini 2, Agostini, Casagrande 2. All. Tedeschi.

VARESE: Matteucci 18, Rovera M. 21, Lombardi 9, Nobile 17, Mariani, Rovera F. 6, Gergati 2, Moraghi 4, Preatoni 2, Lenotti. All. Piazza.

Riparte nel migliore dei modi l'ABC Coelsanus Varese. Riparte espugnando il campo di una diretta rivale come Livorno in maniera netta e avvicinando l'ottava piazza che, dopo i risultati di questo turno, si trova a soli due punti dai gialloblù. A spaccare la gara sono stati i due quarti centrali in cui la Robur ha costruito in parziale lungo di 22-46 che ha reso praticamente inutile l'ultimo quarto. L'ABC Coelsanus ha eseguito alla perfezione i giochi d'attacco come testimoniano le buone cifre dal campo: 52% da 2 e 37% da 3. L'intensità messa in mostra in difesa (21 recuperi) ha saputo supplire al netto divario a rimbalzo che Livorno non è riuscita a concretizzare: 41 carambole a 25 non sono bastate ai labronici per tenere botta ai varesini.
Dopo il primo quarto sempre condotto, l'ABC Coelsanus si presenta con un secco 0-8 nel secondo parziale con Moraghi protagonista: 15-27 al 12'. Nobile (17punti col 60% dal campo) e Matteucci (anche 7 rimbalzi, 5 falli subiti e 3 stoppate) dall'arco amplificano la fuga: 24-37 al 19'. Lombardi e Martino Rovera (4/4 da 2 e 3/7 da 3) costruiscono il +20 del 23': 29-49. La Robur sente l'odore della preda e quando Nobile e Matteucci infieriscono sulla sirena del trentesimo Livorno è sepolta sotto 28 punti di distacco: 37-65 e gara in ghiaccio.

(Matteo Gallo)

U14 ECC: BATTUTA LA SPORTLANDIA TRADATE

Moretti, 7 pts
SPORTLANDIA TRADATE - COELSANUS VARESE 63 - 71 (21-12, 18-17, 10-23, 14-19)

TRADATE: Schembri 6, Cadamuro, Mottini, Banchi 2, D'Amico 4, Poretti 2, Signorini 8, Battaini 32, Rossi, Borsani 4, Molina 5. All. Mottini

VARESE: Armocida 12, Zanasca 4, Braga, Santandrea, Balzaretti 9, Dini, Spertini 10, Moretti 7, Macchi 17, Serafinelli 12, Mazzotta. All. Pagani 

Partita dai due volti per la banda bassotti impegnata nella trasferta di Tradate.
Nei primi due quarti la formazione di coach Pagani sembra essere ritornata quella titubante di inizio stagione : molle in difesa e arruffona in attacco. Alla fine dei primi due quarti il tabellone recita: Campus 29-Tradate 39. Il coach , tra le mura dello spogliatoio, si fa sentire coi suoi giocatori provando a scuoterli da uno strano e inspiegabile “torpore” generale. L’inizio del terzo periodo vede finalmente i giocatori varesini cominciare a giocare una pallacanestro appena decente, serrano le maglie difensive e cercano soluzioni in attacco più consone. Risultato ribaltato e Campus che chiude con tre punti di vantaggio. Nell’ultimo quarto la banda alza ancora di più l’intensità difensiva, chiudendo bene l’area, costringendo così Tradate a tentare la sorte con improbabili tiri da fuori che  nella maggior parte dei casi si stampano sul ferro. Gli errori al tiro si tramutano in azioni di contropiede, finalmente il Campus 98 riesce scavare il solco decisivo che gli permette di portare in porto una partita non certo spettacolare ma che vendica la “beffa” subita all’andata.
Prossima partita al Campus  Sabato 3 Marzo  ore 17, 30  con Basket Costa.

U13 ELITE: ALTRI DUE PUNTI A LISSONE

COCOON LISSONE - ROBUR ET FIDES VARESE 42 - 66 (6-19, 18-29, 35-47)

VARESE: Filiberti 10, Carnelli 1, Turolla 14, Masotti 5, Cagnone 3, Cantoreggi 2, Bellotti 1, Visco, Moro 8, Cadario 23, Guadagna2.

Ancora un successo per gli U 13 Robur, che espugnano il parquet di Lissone con una prestazione non esaltante ma comunque positiva per impegno e voglia di sopperire alle assenze dovute ad influenze ed a cattive condizioni fisiche. L'inizio è subito in discesa con l'ottima difesa a tuttocampo e le conclusioni in contropiede a fissare il punteggio sul 19-6 del 10'. I padroni di casa provano a rosichiare qualche punto nel secondo parziale, con le rotazioni dei varesini che permettono a tutti i giocatori a referto di calcare il parquet. I vantaggi restano pressochè immutati nel secondo e terzo periodo. Ma negli ultimi dieci minuti si assiste ad una replica di quanto successo nel primo quarto e, con un parziale di 19-7 viene raggiunto il massimo vantaggio col punteggio che si fissa sul 66-42. Un elogio a tutti i ragazzi, che sanno comunque di dover lavorare tanto per migliorare ulteriormente e poter concludere la stagione sportiva con un risultato di prestigio.
Prossimo incontro mercoledì 7 marzo a Tradate, ore 19 30.

23 febbraio 2012

DNB: DOMENICA A LIVORNO CON VOGLIA DI RISCATTO

Non è certo stata una gara da ricordare quella contro Torino di sabato scorso e lo si capisce molto bene da come la descrive la guardia dell'ABC Coelsanus Filippo Rovera:"Devo pensare le parole giuste, però contro Torino siamo partiti subito male. Il coach ci aveva detto che quella era la gara che doveva farci fare il salto, ma noi l'abbiamo fatto indietro. Abbiamo completamente sbagliato partita e, forse, le quattro vittorie consecutive ci hanno gasato troppo e queste due sconfitte ci riportano sulla terra". Anche alla luce di alcuni risultati dell'ultimo turno la rincorsa alle prime otto posizioni si restringe con Empoli che occupa la settima posizione a quota 22 e Montecatini ottava a 20 contro i 16 di Robur, Castelnovo, Costa Volpino e Livorno. Insomma, strada verso i playoff, ovvero salvezza subito, più complicata? "Non saprei cosa rispondere perchè, togliendo le prime quattro, reputo la classifica molto corta. Basti pensare che Empoli a quota 22 non è lontanissima. Poi, mancano ancora tante gare e, se riusciamo a vincere le partite giuste, possiamo ancora riuscire ad arrivare abbastanza in alto".
Ora vi attendono due gare fuori casa contro una diretta concorrente salvezza come Livorno e la capolista Legnano per poi tornare in casa contro Bologna. Di certo non sono gare facili."Livorno è una partita da giocare al 110%. In settimana siamo stati molto concentrati in allenamento per questo obiettivo. Non reputo Legnano e Bologna sfide impossibili: in questa DNB non penso ve ne siano. A differenza dell'anno scorso dove c'era una Vado Ligure che dominava, quest'anno penso i valori siano molto livellati e spero che possiamo uscire bene da questo ciclo di gare".
All'andata contro Livorno l'Abc colse un importante successo per 71-59 e, in ogni caso, bisognerà far tesoro di questi 12 punti e non sprecarli nemmeno in caso di sconfitta. E' lapalissiano, però, che ambizione fa rima con vittoria sul campo dei labronici e per farlo bisognerà evitare di replicare i primi trenta, molli, minuti contro Torino. Attenzione alla guardia-ala Piccini, top scorer con 13,3 punti a gara, all'esperta e talentuosa, per la categoria, ala forte Modica mentre in cabina di regia l'ex Cremona Bernardi viaggia a corrente alternata. Sotto canestro non si deve concedere spazo ai muscoli di Saponi, 10,4 punti e 8,4 rimbalzi a gara.


Matteo Gallo

22 febbraio 2012

DNC: BLACKOUT NELL'ULTIMO QUARTO, IL CAMPUS CEDE IL PASSO ALL'URANIA

Filippo Nalesso
ELMEC CAMPUS VARESE - URANIA MILANO 52-78

VARESE: Gandolfi 6, Somaschini 4, Sabbadini 6, Nalesso, Bellotti 16, Balanzoni 14, Bernasconi 3, Corazzon, Bisognin 3, Riccio.

URANIA: Fontana 5, Lissoni 7, Chiragarula 21, Corti 15, Gentile N.E., Pelliccione 4, Bartolucci 1, Stenco 3, Malerba 20, Villa 2.

Trenta minuti alla pari, e poi, il crollo: ecco come ha fatto a perdere il Campus contro i milanesi dell'Urania; il 30-32 dell'intervallo lungo è la prova di come sia andata veramente la partita, falsata poi da un quarto periodo da film horror, in cui, con un parziale di 4-23 si è giunti al 52-78 del quarantesimo.
Un risultato che penalizza troppo Gandolfi e compagni, la cui unica colpa è stata quella di aver alzato bandiera bianca alle prime difficoltà, cercando nelle azioni personali la soluzione ai problemi, invece di credere in quel gruppo che aveva giocato bene fino a quel momento; bravi i milanesi ad approfittare di questo momento di crisi dei padroni di casa per intascare i due punti, non altrettanto bravi però, nell'infierire a partita già vinta, spingendo ed approfittando ulteriormente della resa varesina; i varesini potranno far tesoro di partite come questa per capire come un incontro giocato alla pari, possa poi trasformarsi in un disastro, esclusivamente per dieci minuti di follia.
Torniamo così al solito argomento, la mancanza d'esperienza, anche se in questa partita non è stata determinante, se non per il break finale; il lavoro fatto in palestra in questi mesi, sta comunque dando molti risultati, anche se la classifica dice il contrario: manca ancora qualcosa per essere vincenti, ma per chi ha seguito questa squadra da ottobre ad ora, concorderà nel dire, che la determinazione con cui questi ragazzi entrano in campo è triplicata, e questo li porta a sfiorare grandi imprese, contro le migliori corazzate del girone, perdendo poi per qualche banalità o per un pizzico di sfortuna.
E' arrivato il momento di fare un ulteriore passo avanti ed iniziare a concretizzare questi progressi: questa settimana potrebbe essere l'occasione giusta, visto che sabato sera Bellotti e compagni saranno ospiti della Pressbolt Saronno per l'ultimo derby stagionale; l'appuntamento è per sabato sera alle 21 al Centro Ronchi a Saronno, sperando che questa portata non risulti difficile da digerire.

Alessandra Conti

U17 ELITE: VITTORIA DI CARATTERE PER IL CAMPUS

LINDT CAMPUS VARESE – SOUL BASKET MILANO 77-74 (18-14; 35-38; 63-51)

VARESE: Spertini (in 1’), Pavan 19 (3/5, 3/5, 4/6 tl, in 30'), Vai 14 (5/10, 0/1, 4/10 tl, in 35'), Ceresa 6 (1/3, 4/8 tl, in 20'), Macchi 17 (3/6, 1/2, 8/8 tl, in 34’), Stella ne, Bianchi ne, Rizzello 2 (1/5, 0/2 tl, in 19'), Ermolli 2 (1/5, 0/1, in 24’), Gualco 2 (1/2, 0/1, in 4’), Pagny (0/1, in 2’), Cassinelli 15 (6/8, 1/2, in 31'). All. Pagani.

MILANO: Fabiani 16, Ferretti ne, Iannotta 2, Scanziani 14, Picarelli 4, Bosetti 4, Spinola 21, Baraldi, Pedrana, Arrigotti 13. All. Rossini.


Per Varese: da 2Pt 21/45 (47%); da 3Pt 5/12 (42%); rimbalzi 30 di cui 4 in attacco (9 Vai. 5 Rizzello e Ermolli, 4 Cassinelli); perse 16 (5 Cassinelli, 4 Pavan, 3 Macchi); ricuperate 13 (3 Vai e Macchi); assist 12 (3 Vai e Ermolli); stoppate 3; falli subiti 24 (8 Vai, 5 Ceresa, 4 Macchi).

Note - Parziali dei quarti: 18-14, 17-24, 28-13, 14-23; usciti per 5 falli: Ceresa (Va), Scanziani (Mi); fallo tecnico: Iannotta (Mi); falli commessi: Va 25, Mi 24; tiri liberi: Va 20/34 (59%), Mi 15/30 ?; tiri da tre: Va 5 (Pavan 3, Macchi, Cassinelli), Mi 3 (Arrigotti 3); arbitri: Sbardellati di Besozzo (Va) e Vannini di Bardello (Va).

Porta a casa i 2 punti il Campus resistendo al ritorno di Soul, squadra con difesa solida e in fiducia: interrotta la sua striscia di 6 vittorie. Invertito il trend delle molte palle perse, solo 5 nella seconda metà di gara, e dei troppi liberi sbagliati: per Macchi striscia aperta su 3 partite di 17 liberi a segno!. Varese apre con un 10-0 firmato Pavan, subisce un controbreak di 0-11, ma torna a condurre (anche +8) fino quasi alla pausa con l’energia di Ceresa e Rizzello: Soul però chiude meglio e in vantaggio. Terzo quarto in fuga per la Lindt a partire da un 6-0 personale di un ispirato Cassinelli e massimo vantaggio sul 68-53 a inizio ultimo quarto. I ragazzi di coach Pagani però si arenano a 70, incassano un altro 0-11, trovano un fondamentale canestro con Ermolli per sbloccarsi, ma con un altro 0-7 Soul impatta a 74. Gualco stoppa in difesa e Vai, questa volta tranquillo senza rispondere alle provocazioni, segna il canestro e il libero della vittoria. Tutti hanno portato il loro mattoncino al gruppo, anche chi ha giocato 2 secondi, pochi minuti o tifato dalla panchina.

Prossimo turno: martedì 28.2.2012, ore 20.30, al Centro Robur contro BPM Pallacanestro Varese.

21 febbraio 2012

UNDER 14 ECC: CONVINCENTE VITTORIA DELLA COELSANUS

Zanasca, 17 pts
COELSANUS VARESE – U.C.C. CASALPUSTERLENGO 75-66 (18-18, 23-25, 12-16, 22-7)

VARESE: Armocida 5, Zanasca 17, Santandrea 2, Balzaretti 17, Dini 4, Spertini 14 , Moretti 6, Macchi 7, Serafinelli 3, Fidanza. All. Pagani

CASALPUSTERLENGO: Moretti 6, Gittardi 1, Giorgi 9, Bianchi 12, Capelli 9, Ferrero 8, Ferreira da Silva 4, Trivella, Rota 1, Marini 13, Calzari, Bagli 3. All. Fasani

Buona prestazione della banda bassotti che stacca un altro referto rosa contro l’avversario di turno: Casalpusterlengo. Inizio che , come nelle ultime 3 partite, vede il Campus '98 partire ad handicap andando sotto di 7 punti alla metà del primo quarto, per poi concludere lo stesso sul 18 pari. Il secondo ed il terzo tempo sono all’insegna dell’equilibrio più assoluto, con la formazione ospite che tenta l’allungo decisivo e la banda che ribatte colpo su colpo per poi accelerare nell’ultima frazione di gioco. I ragazzi di Pagani nel quarto tempo serrano le linee difensive e aumentano la precisione al tiro mettendo in difficoltà i giocatori di Casale che, perdono il bandolo della matassa non riuscendo più a trovare la via del canestro da dentro l’area. Gli ospiti ripiegano su tentativi di tiro dalla lunga distanza ma con risultati poco efficaci, finalmente sotto le plance i rimbalzisti varesini dettano legge catturando palloni preziosi trasformati in altrettanti micidiali contropiedi che permettono alla banda di portare a casa la vittoria .
Da segnalare sulla panchina Campus '98 la presenza del nuovo “co-assistent coach” BIG BEN Bakayoko, e ora tutti in palestra a preparare la delicata trasferta di Tradate.
Prossima partita Sabato 25 Febbraio ore 16,00 a Tradate.

20 febbraio 2012

DNB: OCCASIONE PERSA IN CASA CONTRO IL CUS TORINO

Paolo Lombardi, 13 pts
ABC COELSANUS VARESE - KOPAENGINEERING CUS TORINO 64-74 (9-19, 32-42, 63-43)

VARESE: Matteucci 13, Lombardi 13, Nobile 15, Mariani 7, Rovera M. 9, Rovera F. 6, Preatoni 1, Gergati, Moraghi, Lenotti n.e. All. Piazza.

CUS TORINO: Soave 16, Giordo 6, Raucci 13, Ficetti 9, Murta 2, Tassone 10, Favario 2, Maccagno 4, Danna A. 9, Danna P. 3. All. Genta.

Era la sfida chiave per continuare a sperare nell'obiettivo playoff, ma lo stop casalingo contro Torino è stato pesante. Poca difesa per trenta buoni minuti, l'ABC Coelsanus ha concesso tutto al play torinese Andrea Danna, subendo ripetutamente Raucci e Soave che sotto i cristalli hanno dominato la partita. L'atteggiamento e la prestazione offensiva non è stata a livello delle ultime prestazioni. Poco movimento senza palla e tante forzature hanno facilitato il lavoro alla pressante difesa torinese. Insomma, Torino vince meritatamente sul parquet del Campus e la tardiva reazione dell'ABC nell'ultimo quarto non deve illudere. Le prossime due gare lontano da casa a Livorno e Legnano ora hanno un altro aspetto.
Parte forte Torino con uno 0-10 suggellato da due triple di Giordo prima che Matteucci sblocchi l'ABC  al 3'. Da qui nasce un contro parziale di 9-0 per i padroni di casa chiuso sempre dall'arco da Matteucci: 9-10 al 5'. L'ala roburina è protagonista nel bene e nel male: su un tiro pesante sbagliato arriva un tecnico per proteste che dà il là al nuovo allungo torinese: 9-19 con bomba di Ficetti al 7'.
La Robur tenta una reazione in avvio di secondo quarto con un positivo Mariani, ma un paio di errori consentono a Torino di riallungare con una schiacciata in contropiede di Raucci: 15-25 al 13'. Grazie ad un altro tecnico sanzionato a Gergati, Torino raggiunge il massimo vantaggio con Favario: 17-29 al 15'. Una terna arbitrale alquanto protagonista fischia il terzo tecnico a Martino Rovera, caduto in area dopo un contatto con l'attaccante: anche in questa occasione Torino è cinica nel ricavare il massimo possibile coi liberi e canestro di Maccagno: 24-38 al 18'. L'ABC continua a mancare in fase di costruzione del gioco e Raucci ritocca il massimo vantaggio in avvio di terza frazione: 32-47. Sull'ennesimo buco difensivo è Soave a punire dai 6,75 l'Abc siglando il +20 al 25'.
Torino non segna per 5' e l'ABC, pur sprecando molto, si avvicina fino al -13 prima della tripla di Andrea Danna che riporta a distanza gli ospiti: 50-66 al 35'. Il disperato forcing finale dell'ABC porta solo un -9 prima che Torino chiuda i conti sul 64-74.

UNDER 15 ECC: REFERTO ROSA A CREMONA

Moalli, 14 pts
PALL. CREMONA - ROBUR ET FIDES VARESE 59-63

VARESE: Schiavoni, Settimo 2, Pol , Porrini 6, Ferretti 20, Papadopoulos 2, Moalli 14, Badalotti 6, Beri, Vanoni, Margarini 11.

Terza partita del girone di ritorno,terzo impegno chiave per la qualificazione interzona,terzo referto rosa e seconda faticaccia in trasferta per il gruppo under 15 eccellenza che come sabato scorso a Brescia soffre oltremodo prima di avere la meglio sull'ostica formazione cremonese.Al rientro Margarini e Vanoni,ancora out Tonani e Fornasa,la formazione di Giovanni Todisco paga un periodo di allenamenti altalenanti causa varie influenze e non riesce ad essere brillante.Così dopo un primo quarto tutto sommato positivo(14 a 21 ospite),il terzo e quarto periodo scivolano via blandamente sull'onda di un equilibrio che si rivelerà pericolosissimo.Moalli a sprazzi inventa qualcosa,ma la verve dei padroni di casa tiene al 34'(49 a 52) la partita apertissima. Il solo Ferretti è veramente continuo tutta la gara(20pt alla fine) e nel finale serve un energico Margarini che con 5 punti in fila sembra dare la stoccata finale (57 a 61 robur con 30" da giocare).Un incosciente fallo su un tiro da tre di Ariazzi (29 pt) però regala una speranza alla squadra di casa con 6 secondi sul cronometro.Il giocatore della Vanoli segna il primo e il terzo e dopo il time out di todisco un immediato fallo manda in lunettta Papadopoulos che con un glaciale due su due rende inutile anche il tiro della disperazione che comunque si spegne sul ferro.Ora due consecutivi impegni casalinghi abbordabili permetteranno di recuperare energia e stimoli giusti per il finale di stagione.

U17 ELITE: RIMONTA INCOMPLETA PER LA LINDT

PENTABASKET SAREZZO - LINDT CAMPUS VARESE 64-60 (19-18; 38-29; 56-39)

SAREZZO: Vetrugno 15, Patti 2, Compiani 2, Feroldi 3, Gobbi 8, Angeli 4, Bertanza 2, Bertoni 2, Petrovich, Gussago 2, Nember 2, Veronesi 22. All. Tessarin.

VARESE: Spertini 4 (2/3, 0/1, 0/2 tl, in 10’), Pavan 2 (1/5, 0/4, 0/2 tl, in 28'), Vai 10 (4/14, 0/2, 2/7 tl, in 27'), Ceresa 12 (4/6, 1/2, 1/2 tl, in 30'), Macchi 12 (2/7, 8/8 tl, in 23’), Bianchi (in 4'), Rizzello 5 (1/4, 0/2, 3/4 tl, in 21'), Ermolli 4 (2/2, 0/1 tl, in 22’), Gualco 6 (3/4, 0/1, 0/2 tl, in 11’), Pagny ne, Cassinelli 5 (2/3, 0/1, 1/2 tl, in 24'). All. Pagani.

Note - Usciti per 5 falli: nessuno; falli commessi: Sar 25, Va 12; tiri liberi: Sar 7/11, Va 15/30 (50%); tiri da tre: Sar 3 (Vetrugno 2, Feroldi) Va 1 (Ceresa)

Sconfitto il Campus nella lunga trasferta in terra bresciana. Varese tiene bene per quasi 2 quarti (in sequenza -4, +2, -7, +1, pari) pareggiando l’energia dei saretini sui due lati del campo; subisce però una “scarica” del #5 Vetrugno (10 pt) a cavallo della pausa e con tre triple quasi consecutive Sarezzo allunga. I ragazzi di coach Pagani nella difficoltà non credono fino in fondo alla loro difesa e sprofondano a -20 subendo un lungo parziale di 24-6 (9 pt consecutivi del #18 Veronesi). Poi piano piano, di squadra, la Lindt rientra, mettendo qualche timore agli avversari ed arrivando fino a -3 nell’ultimo minuto (parziale di 6-21), senza però avere la palla per pareggiare. Discreti segnali ma rammarico per le croniche perse e i liberi sbagliati.

Per Varese: da 2Pt 21/48 (44%); da 3Pt 1/13 (8%); rimbalzi 34 di cui 9 in attacco (9 Vai e Macchi, 7 Ceresa); perse 25 (5 Vai e Ceresa, 4 Cassinelli, 3 Gualco); ricuperate 16 (4 Vai e Ermolli); assist 7 (3 Vai); stoppate 1; falli subiti 25 (7 Macchi, 4 Rizzello, 3 Vai).

Prossimo turno: martedì 21.2.2012, ore 20.30, al Centro Robur contro Soul Basket Milano.

UNDER 13 ELITE: REFERTO ROSA A LECCO


Paolo Bellotti (c), 13 pts e 11 recuperi
BASKET LECCO - ROBUR ET FIDES 31 - 82 (14-34; 23-45; 27-72)

Robur et Fides: Fiamberti 1, Carnelli 2, Rita 4, Turolla 14, Cagnone 5, Bellotti 13, Corti 0, Visco 1, Moro 10, Cadario 32, Guadagna 0

Nella seconda giornata del girone di ritorno, la Robur torna da Lecco con l'ennesimo referto rosa. Partita subito in discesa con le folate in campo aperto di Cadario(32 punti) e la grinta di capitan Bellotti. I padroni di casa provano ad opporre resistenza, segnando comunque 14 punti nel primo quarto e 9 nel secondo. Ma nella terza e quarta frazione i roburini concedono solo 8 punti in totale, mentre in attacco tutti gli elementi si mettono a turno in evidenza. Così anche Turolla(14 punti) e Moro(10 punti) fanno bottino e terminano l'incontro in doppia cifra.

Prossimo incontro: sabato 25 febbraio a Lissone, ore 17.00

UNDER 14 PROV: FEBBRE ED ERRORI AL TIRO PORTANO LA TERZA SCONFITTA STAGIONALE

COELSANUS CAMPUS VARESE - PALL. CAVARIA 33 - 62

Fanchini 1, Crespi 10, Bordone, Susana, Piotto 2, Conti, Palomba 4, Zavattoni, Cavallini 9, Pedrocchi 1, Micalizzi 6, Bonnel.

Reggono due quarti la partita dei padroni di casa che devono arrendersi alla fisicata e forzuta Motrix Cavaria.
Ottima prova nei primi due quarti senza il suo capitano Pozzi fermo a causa di una fortissima bronchite e con Zavattoni, Micalizzi e Cavallini febbricitanti e portati in panchina per raggiungere il numero di convocazioni. È Crespi a suonare la carica che con penetrazioni tiene a galla i suoi portando al 10’ il risultato sul meno 4.
L’enorme fisicità coadiuvata da molti fischi sbagliati da parte dei grigi e la giornata buia al tiro dei giovani allenati da Coach Tavian fanno calare il morale e dilagare gli ospiti che chiudono l’intervallo sul 11 a 23.

Nel terzo quarto Crespi è costretto ad uscire per un infortunio ( probabile problemi ad una costola) causata dall’irruenza nei portare i pick & roll ( con tanti blocchi in movimento) degli avversari e coach Tavian lascia spazio a chi fino a quel momento non aveva potuto giocare molto.
Le 31 palle recuperate sono l’unico dato positivo della partita a discapito delle 18 perse, ma l’11/67 da 2,lo 0/11 da 3 e l’11/39 ai liberi sono la causa di una sconfitta meritata per i ragazzi Coelsanus.
Ora sperando che l’influenza sia passata e che gli infortunati Crespi, Bologna, Castelli si riprendono alla svelta l’unico modo per recuperare è allenarsi con costanza e voglia e che questa partita serva di lezione a tutti!

17 febbraio 2012

DNB: SABATO ALLE 18.00 AL CAMPUS ARRIVA TORINO

Si ferma ad Empoli dopo quattro vittorie consecutive la marcia dell'Abc di coach Piazza sconfitta 69-66 dalla Computer Gross di uno strepitoso Derraa, autore di 25 punti col 50% da 3 e un sonanate 9/9 ai liberi.
Non è bastato un Matteucci formato Stonerook e abile a riempire ogni voce dello scout (4 rimbalzi, 4 recuperi, 3 falli subiti ed altrettanti assist per un ottimo 25 di valutazione). La Robur ha pagato dazio sotto la pioggia di triple empolesi: ben 10 canestri pesanti in una gara a basso punteggio pesano parecchio. Così come pesa il finale a fari spenti in cui l'Abc ha sprecato quattro punti di vantaggio quando mancavano poco meno di 120" al termine gettando così al vento la possibilità di mettere a segno un pesante 2-0 in ottica playoff. Anzi, vedendo allontanarsi in classifica una delle lepri su cui fare la corsa.
Il campionato, però, offre subito un'opportunità di pronto riscatto contro un'altra avversaria che precede l'Abc e sta lottando per un posto al sole tra le magnifiche otto: il Cus Torino. All'andata scese in campo la controfigura della Robur che beccò un sonoro -23 in Piemonte. Se è praticamente impossibile rovesciare la differenza canestri, l'Abc è chiamata a vincere per inglobare due punti necessari per continuare a sperare nella possibilità di accedere ai playoff. Servirà più concretezza per non dare il classico calcio al secchio del latte appena munto cosa che, invece, è accaduta nel finale di Empoli. Inoltre, bisognerà fare molta attenzione al platoon system di coach Genta: i primi sette delle rotazioni torinesi si spartiscono dai 22' ai 33' di media segnando da 7 a 10,2 punti di media. Pericolosità diffusa con le punte della precisione al tiro dell'ala classe '79 Giordo (8,7 punti col 60% da 2 e il 37% da 3) e l'abilità sotto le plance di Soave, rimbalzista feroce al limite della doppia doppia con 9,7 carambole a gara e 9,9 punti. Dopo l'inopinato capitombolo di Empoli, la pressione sarà sulle spalle dei padroni di casa, ma se si vuole crescere, queste sono le prove che gli uomini di coach Piazza devono superare.

Matteo Gallo

16 febbraio 2012

ROMANO PAGANI E LUCA BALZARETTI PREMIATI DAL SINDACO PER AVERE SALVATO IL CUORE DI BENJAMIN.

E' passato poco più di un mese e Benjamin Bakayoko è in piedi sorridente dopo il grosso spavento del 3 gennaio. L'occasione è quella della premiazione da parte del sindaco Attilio Fontana ai due "eroi coraggiosi" che col loro primo soccorso durante l'allenamento hanno evitato il peggio: coach Romano Pagani e Luca Balzaretti, padre di un compagno di squadra di Ben.


La targa "per il loro coraggioso intervento che ha salvato la vita al giovane atleta" è stata consegnata presso il Comune di Varese in una sala gremita, con la squadra Under 14 Eccellenza schierata al gran completo per riabbracciare il compagno.

Le parole del sindaco: "Grazie di cuore perchè avete salvato una vita. A volte è troppo facile nascondersi, pensando che siano gli altri a dover risolvere i problemi: per questo motivo voi siete un modello per giovani e adulti".

DNB: ABC COELSANUS SFIORA IL COLPACCIO A EMPOLI, SABATO AL CAMPUS ARRIVA TORINO (ORE 18.00)


USE COMPUTER GROSS EMPOLI-ABC COELSANUS VARESE 69-66

EMPOLI: Derraa 25, Manetti 5, Sesoldi 12, Gelli 3, Bartolucci 12, Terrosi, De Angelis 8, Mariotti 4, Bastianoni ne, Sebastiano Manetti ne. All. Quilici

VARESE: Matteucci 13, Moraghi 3, Gergati 6, F. Rovera 7, M. Rovera 9, Preatoni ne, Nobile 11, Lombardi 6, Mariani 11, Frasson ne. All. Piazza

Parziali: 19-21; 32-31 (13-10); 52-51 (20-20), 69-66 (17-15)
Arbitri: Santilli di Recanati e Piram di Rosignano

Sconfitta nel finale l'ABC Coelsanus sul campo dell' USE Empoli. Una bomba da 8 metri di Bartolucci piega le gambe i ragazzi di Piazza che non capitalizzano il +4 a 1' 20" dalla sirena. Ancora in vantaggio 66-65 l'ABC non trova la via del canestro, mentre il quinto fallo di Mariani manda in lunetta Sesoldi che sigla il sorpasso empolese. Il sogno varesino si infrange a 3" dalla fine con l'ultimo disperato tentativo di Lombardi che non ha fortuna e sul fallo seguente Derraa fissa il punteggio sul 69-66.

Un vero peccato per un'ABC Coelsanus davvero concreta che è andata vicinissima al colpaccio in terra toscana
E' già ora di guadare avanti, sabato al Campus (ore 18.00) arriva Cus Torino, appuntamento che Rovera &C. non devono fallire!


15 febbraio 2012

UNDER 19ECC: DUE PUNTI IMPORTANTI CONTRO ARONA

Jacopo Balanzoni, 36 pts
CAMPUS VARESE - ARONA BASKET 86-78 (21-21, 45-27, 61-53)

VARESE: Vai ne, Gardini, Gaspari 6, Bessi, Riccio, Nalesso 7, Muraca 4, Bellotti 24, Balanzoni 36, Valeri 3, Corazzon 6, Cassinelli. All. Malavasi

ARONA: De Gasperi, Lagger 2, Shaquille Hidalgo 40, Appendini 21, Casazza 2, Paracchini 8, Bertona, Cicoletti, Marini 3, Rinaldi 2. All. Bruno

Buona ma soprattutto importante vittoria casalinga dei ragazzi de Campus, che nonostante le assenze di Sabbadini e Rulli superano Arona.
Gli ospiti partono subito bene e imponendo il ritmo di gioco mettendo in difficoltà i padroni di casa e portandosi sul 4-11 dopo 3'; a questo punto Varese incomincia a dettare il suo ritmo offensivo e abbandona la marcatura a uomo, in favore della zona, ricuce lo svantaggio, concludendo il primo quarto in parità. Nel secondo periodo Arona va in difficoltà contro la nuova difesa e contro l'asse killer Bellotti-Balanzoni (24 e 36 pts), devastanti sotto ogni puto di vista, fattori che portano al primo allungo del Campus; i lacuali non provano neanche a reagire e a ricominciare a correre, ma mollano, andando all'intervallo a -18, subendo in questo quarto un parziale di 24-6.
Alla ripresa i ragazzi di coach Bruno decidono di ricominciare a giocare, così alzando la difesa e correndo, Arona va a -14 in 4' minuti; si arriva fino a -4, prima che Balanzoni ricominci a fare male agli aronesi dominando l'area pitturata, ricacciandoli a -8. Nel'ultimo quarto Arona non molla, rimane a contatto e con un ottimo Hidalgo arriva fino a -5, ma non basta, i ragazzi di Malavasi sfruttano il vantaggio fisico e tecnico chiudendo la partita come da pronostico.

DNB: STASERA TURNO INFRASETTIMANALE AD EMPOLI CON ODORE DI PLAYOFF

Martino Rovera
E' il capitano gialloblù Martino Rovera ad anticipare i temi della sfida infrasettimanale contro la Computer Gross Empoli, gara che si disputerà mercoledì 15 febbraio alle ore 20.30 in terra toscana. L'ABC Coelsanus sarà alla ricerca della quinta vittoria consecutiva e di un 2-0 pesante negli scontri diretti con Empoli che potrà pesare in chiave playoff. Ci siamo riavvicinati a quella posizione che non voglio menzionare (l'ottavo posto, ultimo utile per i playoff, ndr) risalendo dal fondo della classifica. Quello con Empoli è un po' una spareggio e vedremo come finirà".
Loro saranno senza il centro varesino Ravazzani, fuori per un serio infortunio al ginocchio già da qualche tempo. 
Chi temi di più? Senza dubbio il loro play Mariotti è un giocatore fondamentale per i loro equilibri anche se devo ammettere che tutti gli esterni empolesi sono dei buoni giocatori". 
Sarà importante, però, non replicare l'avvio soft contro Firenze: in trasferta certi errori non sono ammessi. Penso che la gara di sabato faccia storia a sé. In quella gara ha pesato molto la stanchezza. Piazza ci sta spremendo con allenamenti pesanti per tirarci a lucido e devo dire che la stanchezza si sentiva nelle gambe. Soprattutto per chi, come molti di noi, si alza la mattina alla 7 per andare a lavorare. Però, va conservato l'atteggiamento e il carattere messo in campo contro Firenze". 

Con questa grinta e questa intensità, la Robur et Fides è chiamata ad infilare il pokerissimo per ritrovarsi là dove solo un mese fa era molto difficile pensare di poter essere.


Matteo Gallo

DNC: IL CAMPUS MERITA MA IL DERBY VA AL 7LAGHI

Marco Malavasi (coach)
7LAGHI GAZZADA - ELMEC CAMPUS VARESE 75 - 61 (18-10, 28-32, 41-48)

CAMPUS: Balanzoni 10, Bernasconi 15, Gandolfi 7, Bellotti 15, Somaschini 2, Corazzon 6, Nalesso 6, Bisognin, Riccio, Rulli.

GAZZADA: Fanchini 15, Laudi 9, Del Torchio 12, Fontanel 11, Fedrigo 5, Croci 11, Giannone 7, Tocchella, Battaini 5, Macchi.

E' un vero e proprio Derby quello giocato domenica a Gazzada, di quelli con la "D" maiuscola, di fronte due formazioni bisognose dei due punti, in un miscuglio di giocatori cresciuti assieme nelle giovanili e negli anni passati al Campus. Eppure la partita diventa sin da sin da subito una battaglia, con "colpi proibiti" da entrambe le parti, tanta intensità e nervosismo.
Ne esce vincente l'esperienza di Gazzada che con quattro uomini in doppia cifra e una rimonta clamorosa nell'ultimo periodo (34-13 in 10') il 7Laghi vince il derby e fa un altro passo avanti in direzione della salvezza, lasciando i varesini a lottare nelle zone pericolose della classifica di DNC girone B. I ragazzi di coach Malavasi possono recriminare per un arbitraggio che non li ha di certo aiutati (due tecnici, quinto fallo di Bernasconi, il top scorer con 15 assieme e Bellotti) ma si è vista sfilare i due punti dall'arrembaggio dei più esperti padroni di casa. A guidare il 7Laghi è stato l'esperto play Fanchini, 15 punti, con l'ex Roburino Fontanel in doppia doppia e gigante a rimbalzo (15) nonostante la grande energia di Balanzoni (10 + 8rimb).
Prossimo turno Sabato 18/02 alle ore 21:00 al Campus: Elmec Campus Varese - Urania Milano.

14 febbraio 2012

DNB: ABC COELSANUS, SUCCESSO AL SUPPLEMENTARE CON FIRENZE

Nobile, 16 pts
ABC COELSANUS VARESE - PALL. FIORENTINA 78-76 d.t.s (14-26, 33-39, 43-51, 66-66)

VARESE: Lombardi 9 (2/4, 1/2), Rovera F. 4 (1/5, 0/1), Nobile 16 (3/6, 3/5), Rovera M. 9 (4/9, 0/2), Matteucci 20 (6/9, 1/5); Gergati 3 (1/3, 0/3), Moraghi 10 (2/6, 0/1), Mariani 7 (2/2, 1/4), Preatoni (0/1 da 3), Frasson ne. All.: Piazza.

FIRENZE: Cardellini 13 (3/4, 1/3), Basili 4 (2/2, 0/1), Nesti 10 (4/8, 0/2), Samoggia 16 (3/7, 1/3), Marinelli 6 (3/5, 0/1); Ciavolella 3 (1/4, 0/3), Rinaldi 21 (1/2, 4/9), Coccia 3 (1/1, 0/1), Cariani (0/2 da 3), Sferruzza. All.: Caimi.

Note - Percentuali dal campo: Varese 21/44 da 2, 6/24 da 3; Affrico 18/33 da 2, 6/25 da 3. Tiri liberi: Varese 18/27, Affrico 22/32. Rimbalzi: Varese 38 (Matteucci e Moraghi 7), Affrico 44 (Samoggia 12). Assist: Varese 7 (Matteucci 3), Affrico 4 (Samoggia 2). Palle perse-recuperi: Varese 13-24, Affrico 23-13.

Servono 5' di prolungamento supplemetare alla Robur che però corona la sua fatica con la quarta vittoria in quattro gare dell'era Piazza. Un successo che non basta ancora a rimettere i gialloblu nella zona playoff che però è alla portata di Rovera e compagni, con Empoli - ottava - avanti due sole lunghezze rispetto ai varesini. Il match del Campus (foto L. Minotto) è emozionante: Firenze parte meglio e rischia di andare in fuga ma la Robur riesce a recuperare e nell'ultimo periodo si gioca il successo sino alla sirena. Nel finale gli ospiti non sbagliano un colpo dalla lunetta con Samoggia e Rinaldi ma le triple provvidenziali di Matteucci e Lombardi firmano il 66-66 che non si schioda per un'infrazione di campo fiorentina e un fallo non fischiato su Rovera. Nel prolungamento i due coach giocano con gli uomini "residui": decidono due canestri di Martin Nobile.

UNDER 15 ECC: REFERTO ROSA A BRESCIA

Marco Cattalani (coach)
BK LEONESSA BRESCIA - ROBUR ET FIDES VARESE 66-72

VARESE: Schiavoni, Settimo 10, Pol 6, Porrini 15, Ferretti 16, Papadopoulos 12, Moalli 13, Badalotti, Beri, Fornasa.

Torna da Brescia con un referto rosa quantomai sudato il gruppo under 15 eccellenza che deve faticare enormemente per avere la meglio della coriacea formazione locale. Orfani del loro allenatore Todisco bloccato a letto dalla febbre i roburini partono per Brescia con soli 10 effettivi(ancora out Tonani infotunato,Vanoni Influenzato e Margarini assente) e con l'assistente Cattalani accompagnato per l'occasione da coach Besio. Era lecito non aspettarsi una passeggiata e dopo un primo quarto equilibrato e di studio(17 a 14 robur) la seconda frazione si complica per i roburini che soffrono il pressing dei padroni di casa e non vedono più il canestro.Solamente due punti dal campo nel secondo quarto con gi altri 8 che arrivano solo dalla lunetta.Una marea di palle perse(saranno 30 alla fine)e i problemi di falli di Moalli mandano al riposo lungo Brescia avanti 38 a 27.Al rientro dagli spogliatoi si allunga la difesa,qualche recupero in più dà il là a qualche folata di Ferretti(16 pt per lui) ma Brescia tiene e al 30' è ancora avanti 55 a 51.Quando sembra poter avvenire l'aggancio,l'ultimo quarto si apre con due errori banali che lanciano altrettanti contropiedi,seguiti da due triple che fanno malissimo.Al 33' è meno 14(65-51).Ma dal time-out la Robur esce con lo spirito giusto,coltello tra i denti si difende alla morte e ri recupera pallone su pallone.Porrini(15 pt) fa incetta di rimbalzi(13) e finalmente Moalli riesce a far correre il pallone.Brescia è stordita e sul 65 a 64 si chiude in area per arginare la furia varesina. E allora è Settimo che con una tripla firma il sorpasso con 1'e 20" da giocare. I locali in totale confusione gettano un altro pallone,Ferretti segna in penetrazione e Settimo infila un'altro missile.Con un parziale terrificante di 21 a 1 negli ultimi 7' si torna a casa con una fondamentale vittoria per la qualificazione all'interzona.

UNDER 14 ECC: SCONFITTA CON ONORE A CERNUSCO

Macchi, 22pts
BASKET CERNUSCO – COELSANUS VARESE 79-75 (15-9, 22-18, 21-17, 21-31)

CERNUSCO: Ragnolini 2, Morse 13, Cambiaghi, Merciri 9, Antelli 22, Saitto 6, Barbieri 5, Dincao, Belotti 2, Franco 11, Vivian 7, Mapelli 2.  All. Cornaghi
VARESE: Armocida 10, Zanasca 16, Braga, Santandrea, Balzaretti 6, Dini 6, Spertini  8 , Moretti 7, Macchi  22, Fidanza, Mazzotta. All. Pagani
La prima giornata del girone di ritorno ha visto la formazione Campus 98 opposta ad una delle “corazzate” del campionato: Cernusco. All’andata la banda bassotti aveva dovuto subire una durissima lezione perdendo di 30 tra le mura amiche. Nel pre-partita lo staff prevedeva di dover subire in casa dei “bufali” una dura lezione. Invece i ragazzi di coach Pagani ,per l’ennesima volta nelle ultime tre partite, hanno stupito tutti  sfoderando una prova, quantomeno, intensa che gli ha portati a giocarsi il macht punto a punto fino al fischio finale.  Da notare che, a causa dell’influenza, mancava uno dei componenti del quintetto iniziale e un altro sedeva in panca dopo una settimana  passata tra tachipirine e sciroppi. Nonostante questo la formazione varesina ha giocato un’ottima partita rimanendo sempre in scia della compagine di casa nei primi due quarti, non scomponendosi nemmeno quando nel terzo quarto è scivolata a -17.  Finalmente, sembrerebbe che, la banda, abbia preso coscienza delle sue potenzialità ; si sia lasciata alle spalle quelle amnesie collettive che nel girone di andata sono costate almeno 3 o 4 referti rosa. La strada intrapresa è sicuramente quella giusta , tenaci in difesa e abbastanza precisi in attacco (tralasciando i tiri dalla lunetta), ora bisogna assolutamente continuare con la stessa voglia ed intensità per riuscire ad agguantare quelle vittorie che all’andata sono sfuggite in certi casi più per demerito del Campus 98 che per meriti degli avversari (Tradate, Casale).
Nota “stonata” della giornata l'imprecisione dell'addetto al cronometro che ne ha combinate di tutti i colori,  riuscendo a ridurre (peraltro del tutto involontariamente) il tempo di gioco effettivo di almeno 1 minuto. Possiamo capire che stesse imparando, ma sarebbe più opportuno che gli addetti al tavolo facessero esperienza in partite non ufficiali prima di gli siano affidate gare di campionato. 
Prossima partita al Campus Domenica 19 Febbraio ore 11.00 con Casalpusterlengo.

13 febbraio 2012

U17 ELITE: VITTORIA CON LE "NUOVE" DIVISE LINDT

Cassinelli, 16pts
LINDT CAMPUS VARESE - ASA POPZ CINISELLO 73-58 (18-20; 41-36; 59-45)

VARESE: Spertini 2 (1/4, 0/1, in 6’), Pavan 20 (6/7, 2/5, 2/4 tl, in 37'), Vai 13 (6/9, 0/2, 1/2 tl, in 30'), Ceresa 4 (2/4, 0/1, in 13'), Macchi ne, Stella 4 (2/3, in 14’), Bianchi 2 (1/1, in 5'), Rizzello 8 (3/8, 0/2, 2/3 tl, in 29'), Ermolli 4 (2/5, in 27’), Pagny (in 3’), Cassinelli 16 (8/12, 0/2, in 36'). All. Pagani.

CINISELLO: Antoniazzi ne, Contrath Ar. 2, Forte 9, Picelli 5, Brucoli 3, Esposito 6, Brambilla 21, Colombo 7, Cavallini, Bonafè 5. All. Sirtori.

Note - Usciti per 5 falli: nessuno; falli commessi: Va 22, Cin 12; tiri liberi: Va 5/9 (56%), Cin 9/19; tiri da tre: Va 2 (Pavan 2), Cin 2 (Picelli, Colombo).

Arbitri: Vannini di Bardello (Va) e Borri di Busto A. (Va)

Buon successo del gruppo U17 Elite contro Asa Cinisello. Parte meglio Varese (8-2) ma l’intensità non è sufficiente e Cinisello sorpassa con un parziale di 4-14. Dopo la prima pausa il Campus alza la difesa e i ritmi e piazza un 9-0 che si allunga fino a 19-5 per il +12. Ma poi la Lindt si rilassa e permette un rientro al riposo. I ragazzi di coach Pagani riprendono però con concentrazione: i presenti sopperiscono agli assenti in fatto di iniziative e personalità, e pur senza cose fuori dal comune, dilatano subito il divario e gestiscono la partita, fattasi più tattica, fino al max vantaggio sul +18 verso l’epilogo.

Per Varese: da 2Pt 31/53 (58%); da 3Pt 2/13 (15%); rimbalzi 35 di cui 5 in attacco (8 Vai, 7 Ermolli, 5 Cassinelli, 4 Rizzello); perse 16 (4 Rizzello, 3 Vai, Ceresa e Cassinelli); ricuperate 12 (5 Cassinelli, 3 Vai); assist 12 (5 Cassinelli, 4 Vai, 3 Ceresa); stoppate 3; falli subiti 12 (5 Vai).

Prossimo turno: sabato 18.2.2012, ore 16.00, a Sarezzo contro Penta Basket.

U14 PROV: VITTORIA CON AMPIO SCARTO CONTRO LONATE

Fanchini, 8 pts 
COELSANUS CAMPUS - LONATE CEPPINO 111-26

CAMPUS: Castelli, Fanchini 8, Crespi 23, Bordone 6, Piotto 10, Conti 6, Palomba 13, Zavattoni 16, Cavallini 9, Pedrocchi 9, Micalizzi 13, Bonnel 2.

Dopo una settimana priva di allenamenti per il gruppo 98 causa febbri, infortuni di 9/15 e l’utilizzo del campo da parte della Pallacanestro Varese, i ragazzi di Tavian si presentano al Campus rimaneggiati e con giocatori in condizioni non ottimali ( vedi Castelli che presenzia in panchina con la pubalgia, Palomba al rientro dall’operazione avuta).La partita inizia con la solita determinazione e con i soliti palloni recuperati, ma sono Micalizzi e Conti i primi a litigare col ferro sbagliando soluzioni facili solitarie. Dopo due minuti di frastuono i giovani atleti si riprendono grazie a Capitan Crespi (sostituzione del malato Pozzi) che da leader si invola a canestro ( 23 punti con 6/9 da 2 e 2/3 da tre) e fornisce assist per i compagni.
Il primo quarto si chiude con un perentorio 28 a 6. Nella seconda frazione di gioco spazio a chi non era ancora entrato nel match e dare la possibilità di rientro a Palomba che pronti via risponde presente e dimostra tutta la voglia che aveva di rientrare dopo 4 settimane di stop forzato mettendo 3 triple su 4 tentativi ( pur non avendo una condizione ottimale per reggere il campo) seguita da una di Pedrocchi e una di Micalizzi dall’angolo.
Le buone iniziative di Bordone e di un super Fanchini fanno incrementare il punteggio e si va all’intervallo sul 62 a 13.
Al rientro è Zavattoni a dominare a rimbalzo offensivo ( pur avendo una fisicità minore rispetto a tutti gli elementi avversari) chiudendo con 16 punti e 8 rimbalzi di cui 5 offensivi e Bonnel che dopo aver sprecato parecchie occasioni segna i suoi 2 punti su tiro libero chiudendo il periodo sul 78 a 18.
L’ultimo quarto vede l’arrivo a quota 100 da parte di Fanchini che sfrutta un corridoio centrale per concludere facilmente in avvicinamento e le sgusciate di un ottimo Piotto per nulla intimorito dell’enorme fisicità degli avversari e da un Cavallini autore di una prova da 9 rimbalzi e 9 punti.

U13 ELITE: SUCCESSO CASALINGO DOPO LO STOP DI LEGNANO

Dario Lo Storto (coach) 
ABC ROBUR ET FIDES - VANZAGO BASKET 80 - 48

Partita particolare per gli under 13 elite che devono rimediare la sconfitta ottenuta in volata al Pala Knights per 85 a 80 e in più devono far a meno del loro allenatore Giovanni Todisco costretto a letto da una forte febbre.
Il match si fa subito “facile” per i padroni di casa che con una partenza fulminea staccano di 20 lunghezze gli avversari grazie ad un Cadario preciso al tiro ( 31) e agli assist di un ottimo Cagnone.
La partita rimane sempre sulle distanze del primo quarto e i coach Lo Storto, Tavian danno ampie rotazioni a tutta la squadra che ripaga la fiducia grazie a una bella prova di Guadagna che prende iniziative positive e Carnelli.
Al rientro dallo spogliatoio sono Masotti e Turolla che danno una nuova scossa alla partita facendo incrementare il vantaggio alle 30 lunghezze che si porterà fino alla fine del match che sancisce un risultato di 80 a 48.

09 febbraio 2012

DNB: L'ABC COELSANUS CERCA IL POKER CONTRO FIRENZE

Nuovo appuntamento al Campus, sabato 11 febbraio alle ore 18.00, per l'ABC Coelsanus che contro la Pallacanestro Fiorentina Affrico cercherà di centrare un poker di vittorie fino a poco tempo fa impensabile.
La Robur attuale è una squadra che ha fiducia nei propri mezzi come testimonia il fatto di essere riuscita a resistere alla rimonta di Cecina e, anzi, a trovare le energie e le risorse necessarie per vincere una gara dall'importanza fondamentale.
Già, perché se l'ABC Coelsanus non è riuscita a capovolgere la differenza canestri nei confronti dei toscani, ha però fornito importanti segnali di vita in ottica salvezza/playoff. Il tutto senza Mariani, bloccato dal mal di schiena nello scorso turno.
Quella contro Firenze sarà una vera prova di maturità per la Robur et Fides; l'avversario non è dei più ostici dato che naviga in penultima posizione e ha appena cambiato, per la seconda volta, allenatore. Infatti, per Stefano Rusconi non ci sarà nessun ritorno a casa da coach dell'Affrico: in quindici giorni si è verificata la risoluzione del rapporto in maniera, a quanto pare, anche abbastanza brusca. La squadra è ora affidata a Caimi, in precedenza viceallenatore dei toscani.
Come la Robur, anche Firenze ha ingaggiato un giocatore che ha iniziato la stagione nell'ormai disciolta Sassari. Giuliano Samoggia ha firmato un biennale coi toscani dopo la sparizione della squadra isolana per debiti. Giocatore di talento, anche se alterno e discontinuo, riesce quasi a fare reparto da solo nel settore esterni. Nesti e Rinaldi sono un buon cast di supporto, ma il punto debole dei fiorentini è nella regia: il ventenne Cardellini e Cariani hanno un valore nettamente inferiore al duo roburino Lombardi e Gergati. Puntare su loro e su un Matteucci inarrestabile da finto pivot sono le priorità per proseguire nell'inseguimento al sogno dell'ottava piazza.

(Matteo Gallo)

06 febbraio 2012

DNB: COLPO ESTERNO A CECINA, TERZA VITTORIA CONSECUTIVA

Martino Rovera, decisivo nel finale
ELETTROM. MODERNA CECINA- ABC COELSANUS VARESE 65-72 (12-21, 29-40, 52-51)

CECINA: Vallini 10, Fratto 10, Del Testa 8, Bertolini 19, Cappa 10, Fratto 2, Schiano 2, Bedini 1, Franceschini 3. All. Campanella.

ROBUR: Rovera F. 7, Rovera M. 10, Lombardi 9, Matteucci 15, Gergati 15, Nobile 4 e 3 recuperi, Moraghi 12 e 14 rimbalzi, Mariani e Preatoni ne. All. Piazza.

Scappa l'ABC Coelsanus e con una prestazione maiuscola conduce di 11 punti all'intervallo lungo con un buon Gergati (15punti più 3 assist) e un positivo Matteucci (alla fine 15 punti con 6/8 da 2, 6 rimbalzi ed altrettanti falli subiti per un corposo 24 di valutazione). Con soli sette elementi in rotazione, la fatica può, però, farsi sentire nei muscoli degli uomini di coach Piazza.
Quando Cecina si avvicina in avvio di terzo quarto sulla spinta di Vallini e arriva sul -1 del 44-45, sembra ormai prossimo il momento della resa. Invece, la Robur reagisce mostrando grande carattere e determinazione. Arriva sotto al 30' (52-51) ed è lì che il capitano gialloblù impone il suo marchio sulla partita. Martino Rovera, sin lì autore di 1 solo punto con vari errori dal campo, si carica la squadra sulle spalle e dal 58 pari del 36' sigla 7 punti consecutivi che indirizzano la gara: due canestri da sotto ed una tripla che spezzano le reni alla resistenza cecinese per il 58-65 del 38'. Ci pensa Lombardi a metterei chiodi sulla bara: due liberi e un piazzato per il 59-69 del 39'.

E' un successo salutare che avvicina l'ABC Coelsanus alle zone più nobili della classifica e tiene viva la fiammella dell'idea playoff.

Prossimo appuntamento Sabato 11/02 ore 18.00 al Campus: ABC COELSANUS VARESE  - PALL. FIORENTINA

Matteo Gallo

DNC: CAMPUS SCONFITTO IN CASA DA PISOGNE

Luca Bellotti 13 pts
ELMEC CAMPUS VARESE - ISEO SERRATURE PISOGNE 65 - 75 (14-21, 9-21, 17-16, 25-17)

VARESE: Gandolfi 11, Balanzoni 12, Bellotti 13, Bernasconi 7, Somaschini 2, Rulli 2, Corazzon 2, Sabbadini 11, Bisognin 3, Bessi 2.

Se il centro sportivo Campus fosse un cinema, il film andato in onda sabato sera potremmo intitolarlo "Come buttare al vento due punti": protagonisti i ragazzi di Marco Malavasi, che hanno perso 65-75 contro i bresciani dell'Iseo Serrature Pisogne. Una partita incredibile, che ha dimostrato ancora una volta i limiti dovuti all'inesperienza di questi giovani talenti, messi a confronto con i muscoli degli avversari. Se poi a questo aggiungiamo un arbitraggio troppo permissivo da entrambe le parti, nei primi 30 minuti, e completamente fuori partita (11 falli commessi dai varesini e solo uno a loro favore) negli ultimi 10, ecco che troviamo già un paio di ipotesi che potrebbero spiegare la sconfitta. Forse, molto più semplicemente, potremmo analizzare la partita vedendo nel quintetto di casa, una mancanza di gioco fluido e preciso nel primo tempo, che producendo pochi punti in attacco, si perde di conseguenza in difesa, permettendo agli avversari ben 19 punti di vantaggio; un divario che permette ai bresciani di amministrare nei venti minuti successivi, con qualche aiuto di troppo nel quarto periodo, quando i varesini stavano rientrando alla grande, ricucendo lo strappo fino al -9.
"E' stata una partita strana -racconta Gualtiero Rulli - o forse una partita 'alla Campus'. Non possiamo dire di non aver giocato uniti, perchè il gruppo gira bene, ma se ripensi ai nostri errori è facile capire quale sia il nostro limite: nel momento in cui andiamo sotto e qualcosa non funziona, invece di cercare la risposta nel gruppo, cerchiamo tutti di risolvere i problemi da soli con entrate impossibili e tiri difficili. Nessuno lo fa per gli applausi o per gloria personale, semplicemente per provare a risollevare la squadra, solo che il risultato non è quello che vorremmo e di conseguenza poi siamo molli in difesa e peggioriamo la situazione. A Desio abbiamo giocato molto meglio, perchè, dovevamo dimostrare che non c'erano davvero i 40 punti di divario che avevamo subito all'andata; ma le motivazioni le avevamo anche questa sera, perchè avendo perso là di soli 4 punti, sapevamo di potercela giocare, la differenza con Desio forse, va cercata solo nella diversa concentrazione, perchè lo spirito messo in campo era identico." Un'analisi perfetta da parte della guardia varesina, che come gli altri ragazzi del 1993, aveva giustamente già voltato pagina una volta salito dagli spogliatoi, pensando al match successivo: "Domani -continua il numero 5 biancoblu- andremo a Biella con gli under; sarà una partita durissima, ne siamo consapevoli. Abbiamo sprecato il jolly in casa, considerando che loro non avevano a disposizione il loro quintetto base, ma non partiamo sconfitti, ce la giocheremo fino alla fine. Una bella vittoria darebbe la spinta giusta in vista del derby di domenica".

Alessandra Conti

U17 ELITE: IL CAMPUS PUNGE MA SOCCOMBE

Pavan, 18 pts
EUREKA BBA MONZA - LINDT CAMPUS VARESE 67-64 (10-16; 35-33; 52-50)

MONZA: Pistillo 4, Villa 2, Colombo 14, Gonnella 2, Meda 8, Brunetti 4, Spadoni 14, Saragozza 5, Pastori 14, Barzaghi, Longoni ne. All.: Sala.

VARESE: Pavan 18 (5/8, 2/7, 2/4 tl, in 30'), Vai 22 (11/18, 0/2, 0/4 tl, in 37'), Ceresa 4 (2/4, 0/1 tl, in 14'), Macchi 3 (1/3, 0/2, 1/2 tl, in 28’), Ermolli (0/1, 0/2 tl, in 30'), Brega ne, Spertini 4 (2/3, in 3'), Bianchi 2 (1/2, 0/1, in 6'), Rizzello 2 (1/6, 0/2, 0/4 tl, in 32’), Cassinelli 9 (3/8, 1/1, in 20'). All. Pagani.

Note - Usciti per 5 falli: Cassinelli (Va); falli commessi: BBA 20, Va 22; fallo tecnico: Spertini (Va); tiri liberi: BBA 9/15, Va 3/17 (18%); tiri da tre: BBA 6 (Meda 2, Colombo 2, Brunetti, Saragozza), Va 3 (Pavan 2, Cassinelli).

Gagliarda prova dei ragazzi U17 di coach Pagani, in crescita rispetto alla partita di andata, non coronata però dal successo a causa soprattutto di perse banali, liberi sbagliati e disattenzioni. Inizio con Varese avanti (6-11) ma sostanziale equilibrio che durerà per tutto l’incontro. Monza ricupera e sorpassa con un parziale a cavallo della pausa lunga di 17-6, frutto di molti rimbalzi in attacco e tripla sulla sirena. Lindt ricuce (41-40) e poi si attarda (49-42); decisamente rivedibile la gestione dell’ultimo possesso del terzo quarto che costa un canestro “sanguinoso” da possesso in rimessa. A inizio ultimo quarto il Campus con orgoglio si riporta avanti (54-56), Monza piazza un mortifero 8-0 con 2 triple di fila ma i nostri con cuore rientrano fino a -1 (65-64); si buttano per terra ricuperando anche il pallone del possibile pareggio che però non va a buon fine.

Per Varese: da 2Pt 26/53 (49%); da 3Pt 3/15 (20%); rimbalzi 44 di cui 14 in attacco (18 Vai, 12 Ermolli, 6 Rizzello); perse 19 (5 Vai e Ceresa, 3 Pavan e Ermolli); ricuperate 11 (2 Macchi e Spertini); assist 9 (3 Rizzello, 2 Vai e Cassinelli); stoppate 5 (4 Ermolli); falli subiti 20 (6 Vai, 5 Rizzello, 4 Pavan, 3 Macchi).
Prossimo turno: venerdì 10.2.2012, ore 20.30, al Centro Robur contro Asa Popz Cinisello.

UNDER 14 ECC: NETTA VITTORIA CONTRO CANTU'

Balzaretti 11 pts
COELSANUS VARESE – PALL. CANTU' 72-40 (20-10, 14-14, 24-10, 14-6)

VARESE: Armocida 9, Zanasca 10, Braga 2, Santandrea 2, Balzaretti 11, Dini, Spertini 18 , Macchi 11, Serafinelli 8, Fidanza, Mazzotta 1. All. Pagani

CANTU':Tomaselli, Ronchetti 2, Banfi, Ballabio 8, Foschini 4, Bugatti 6, Saladanna 2, Ben Salem 1, Mascheroni 2, Cedri, Castelli 6, Caruso 9. All. Mosconi

Trascorse neanche 48 ore dall’ottima partita disputata contro Milano la banda bassotti, come il più esperto degli attori di prosa, manda in scena l’esatta replica della partita quasi “perfetta". Nel derby con Cantù la squadra di coach Pagani offre una prova  convincente sia in attacco che in difesa. Prima del fischio d’inizio, il coach, manifestava qualche timore circa il recupero della sua “banda” dalla fatica dei 40 minuti giocati con intensità inusuale contro l’Armani. a fine partita era felicissimo di essere stato smentito. Parte subito forte la formazione ospite che si porta ad un provvisorio + 7 dopo appena quattro minuti dall’inizio dell’incontro,  tra i componenti dello staff Campus 98 comincia ad aleggiare l’idea dell’ennesima sconfitta subita contro i Cantù (… diciamolo : vincere o perdere contro i canturini ha un sapore completamente diverso rispetto a qualsiasi altro avversario …)ma, come poche ore prima in quel del Palalido, come d’incanto il quintetto varesino comincia a macinare recuperi che vengono quasi puntualmente concretizzati in due punti; finale primo quarto Campus 20- Cantù 10. Il secondo quarto scorre senza sussulti particolari (14-14), come se si trattasse di un incontro di boxe, dove i due contendenti passano l’intero round a cercare di studiare l’avversario per trovare il varco giusto per sferrare il colpo del k.o. definitivo. La chiave di volta dell’incontro è nel terzo quarto; la banda bassotti diventa per alcuni tratti devastante , arcigna in difesa e chirurgicamente precisa in attacco. Cantù non riesce più a far circolare in modo decente la palla , perde in tranquillità sia in campo che in panchina ed è completamente in balia del Campus. L’ultima frazione di gioco è l’esatta copia del precedente periodo, con la banda che in tutta tranquillità arriva al fischio finale fissando il punteggio sul 72-40 a suo favore. Le ultime due uscite della formazione Campus 98 hanno evidenziato una formazione in costante crescita: sia sotto il profilo tecnico sia sotto il profilo mentale. Tutto ciò non può che far ben sperare per il girone di ritorno.